IMG_1981.JPG DSC_0228.JPG DSC_0225 copia.jpg DSC_0237 copia.jpg hotel4.jpg

Hotel » Pontedilegno e dintorni »

Hotel Pontedilegno e dintorni  1" title="Hotel Pontedilegno e dintorni  1
Hotel Pontedilegno e dintorni  2" title="Hotel Pontedilegno e dintorni  2
Hotel Pontedilegno e dintorni  3" title="Hotel Pontedilegno e dintorni  3
Hotel Pontedilegno e dintorni  4" title="Hotel Pontedilegno e dintorni  4
Hotel Pontedilegno e dintorni  5" title="Hotel Pontedilegno e dintorni  5
Hotel Pontedilegno e dintorni  6" title="Hotel Pontedilegno e dintorni  6
Hotel Pontedilegno e dintorni  7" title="Hotel Pontedilegno e dintorni  7
Hotel Pontedilegno e dintorni  8" title="Hotel Pontedilegno e dintorni  8
Hotel Pontedilegno e dintorni  9" title="Hotel Pontedilegno e dintorni  9

Immergersi nella natura...

 

...Nel relax più totale

La zona solarium della Tana dell'Orso è baciata dalla luce del sole che si riflette dalle montagne della zona: il Castellaccio, che domina con la sua imponenza tutta la Val Sozzine e che offre una meravigliosa vista delle sue pendici proprio dal giardino e dal Bar della Tana.

 

E per gli amanti dello sport...

 

...Sci alpino, sci di fondo e passeggiate con le ciaspole

Il comprensorio Adamello Ski, per gli amanti dello sci alpino, offre 100 km di piste completamente innevate e attrezzate. La Tana dell'Orso si trova all’arrivo dell’unica pista da sci di collegamento del Tonale con Ponte di Legno, a cinque minuti dalla partenza degli impianti, e può essere quindi il punto di ritrovo per un rilassante e divertente après-ski nel bar con le migliori birre, un veloce spuntino o una deliziosa cena, immersi in un’atmosfera calda e familiare per farvi trascorrere attimi in spensierata compagnia.
Per gli amanti dello sci di fondo, la tana dell'orso si trova proprio accanto al circuito di fondo di Ponte di Legno ed è punto di partenza anche per piacevoli passeggiate con le ciaspole.

 

...Trekking

La posizione strategica dell'hotel permette agli amanti della natura di poterla godere nei suoi aspetti più affascinanti. Inserito nel territorio del Parco Regionale dell’Adamello, La Tana dell'Orso è punto di arrivo e partenza di numerose escursioni e passeggiate, tra cui il sentiero dei fiori e le cascate del Narcanello da Val Sozzine.


...Mountain-Bike

Dalla Val Sozzine partono una serie di sentieri e percorsi che vi permettono di assaporare lo splendido panorama a bordo della mountain-bike. Facili risalite o impervi percorsi per mettere alla prova la vostra abilità e per godervi al meglio la vacanza all’insegna dello sport e della salute. La Tana dell'Orso si trova proprio al termine del nuovo percorso Free-Ride che dal Passo del Tonale porta a Ponte di Legno. Grazie all'utilizzo della cabinovia, situata a 5 minuti, permette a chiunque lo desideri di provare l'ebrezza di una discesa mozzafiato da percorrere a tutta velocità attraverso il bosco e i prati, lungo il Narcanello e all'ombra del Castellaccio.

Tutta la sentieristica risulta curata e sistemata; i percorsi ciclabili dell'Adamello Bike Arena, che si sviluppano su tutta la zona lungo 18 differenti percorsi e per oltre 500Km, permettono agli amanti del genere di regalarsi una catena di emozioni tra il  Passo del Tonale e Incudine, e che grazie all’utilizzo del GPS sono usufruibili anche da chi arriva da fuori senza conoscere queste montagne.

per la famiglia.... ideale la pista ciclabile

La pista ciclabile è stata inaugurata il 20 luglio 2012. Collega Pontedilegno e Vezza d'oglio. lunga 18 km segue il corso del fiume Oglio, costeggiando prati e boschi. Essendo tutta pianeggiante è ideale per persone di qualsiasi età, a piedi o in bici. Durante il tratto sono presenti anche delle zone picnic, o parcogiochi per bambini.

Escursioni in alta montagna

 

All' interno del Parco Nazionale dello stelvio, si diradano numerosi itinerari di alta montagna, i più famosi:

- Valle delle messi: situata a 6 km da Pontedigno in direzione Gavia; incuneata fra Gavia e il Passo Pietra rossa, attraversata dal torrente Frigidolfo, circondata da altre montagne come il corno di Gaviola e dei tre signori. più in basso si potrà inoltre osservare il lago Nero. Considerata poi casa di numerosi animali come marmotte, cervi, caprioli e camosci.

- Bocchette di Val massa: l' itinerario é da considersi Storico- culturale, in quanto si potranno ammirare le fortificazioni ancora intatte,  utlizzate dai soldati durante al prima Guerra mondiale. l' itinerario più brave comincia dal paesino di Villa dalegno ( frazione di Temù) passando le le cascine di Prebalduino, immerse nel bosco con larici e abeti, lasciando a destra la strada militare si raggiungerà poi il resto della baita di Val massa ed ha li ha poco si comincerà a osservare la prima mulattiera.

per i più coraggiosi: sentiero dei fiori: il sentiero dei fiori, che si estende attorno ai 3000 metri di quota dal passo del Castellaccio alla punta del lago Scuro, dove si trova l' anonima capanna è uno degli itinerari alpinistici più amati dell' alta valle camonica. a condurre quassù gli alpinisti sono la bellezza del paesaggio e la capacità che hanno queste cime di portarli indietro nel tempo fino alla prima guerra mondiale, quando qui correva il confine fra l' Italia e l' impero austro-ungarico.

 

per gli appassionati di arte e cultura...

museo guerra bianca in adamello

Il museo della guerra bianca in Adamello ha sede a Temù, nella piazza principale, ed è dedicato alla conservazione ed alla vaslorizzazione del patrimonio storico della 1° guerra mondiale, in particolare della guerra bianca in Adamello. presso il museo ha anche sede il centro permanente di studio e documentazione della grande guerra in Lombardia.

architetture religiose:

 

Parocchia della SS trinità: datata nel 1685, sebbene il portone ligneo sia del 1929. all' interno sono presenti opere della bottega dei Ramus.

Chiesa di sant' Apollonio: in località Plampezzo. Si tratta di un' antica chiesa risalente al XII secolo con affreschi del pittore Johannes da Volpino.

 

Architteture storiche

Castello di Castelpoggio in località Poia: fortificazione dell' epoca longobarda che nel 1922 fu acquistata dal conte De Zan che costruisse l' attuale castello. Nel secondo dopo guerra sono stati ricavati mini appartamenti. Il castello ha una cinta murarea lunga 580 metri con merlature ghibelline.